spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

I giovani non consumano più cannabis dove è legale

Negli ultimi anni, il dibattito sulla legalizzazione della cannabis ha suscitato preoccupazioni riguardo il suo possibile impatto sull'uso di sostanze da parte dei giovani....
HomeCannabisCanada, la cannabis legale acquistata dal 72% dei cittadini

Canada, la cannabis legale acquistata dal 72% dei cittadini

Quasi sei anni dopo la legalizzazione della vendita di cannabis in Canada, emergono dati significativi che delineano le abitudini di consumo e l’orientamento del mercato. Secondo un recente sondaggio nazionale sulla cannabis del 2023, quasi il 72% dei canadesi che hanno fatto uso di cannabis nell’ultimo anno ha scelto di acquistare esclusivamente da fonti legali. Questa tendenza non solo riflette la crescente accettazione sociale della cannabis, ma sottolinea anche la fiducia dei consumatori nel sistema di regolamentazione canadese.

La sicurezza del prodotto emerge come la principale motivazione dietro questa scelta per il 38% degli intervistati, indicando una forte consapevolezza dei rischi associati all’acquisto da fonti illegali o non regolamentate. La convenienza e il desiderio di aderire alla legalità rappresentano rispettivamente il 17% e il 13% delle motivazioni, sottolineando un cambiamento culturale verso la normalizzazione del consumo di cannabis all’interno di parametri legali e sicuri.

Matthew Greenwood, membro del consiglio del Retail Cannabis Council della British Columbia e proprietario del negozio di cannabis “Up in Smoke”, ha descritto questi dati come “eccitanti”. Le cifre arrivano in un momento in cui, secondo Statistics Canada, le vendite di alcolici hanno registrato una diminuzione dell’1,1% nell’anno fiscale 2022-23, mentre le vendite di cannabis ricreativa sono aumentate del 15,8%, raggiungendo un totale di circa 4,7 miliardi di dollari spesi.

Nonostante l’ottimismo generale, non tutti vedono questa tendenza in maniera positiva. Ken Weisbrod, farmacista autorizzato e consulente sanitario, esprime preoccupazioni circa la “normalizzazione” del consumo di cannabis, specialmente tra i giovani. Secondo lui, il 38% dei consumatori di cannabis nel 2023 ha un’età compresa tra i 18 e i 24 anni, un dato che suggerisce la necessità di un’attenzione maggiore verso l’informazione e la prevenzione.

Weisbrod evidenzia la necessità di ulteriori ricerche sull’impatto a lungo termine della cannabis sul corpo umano. Con più di 3.000 negozi di cannabis legale in Canada, esiste il rischio che i consumatori interpretino la diffusa disponibilità come un segnale di sicurezza implicita approvata dal governo. Pur non opponendosi all’acquisto da fonti legali, specie per coloro che ne hanno bisogno per ragioni terapeutiche, Weisbrod invita a una riflessione più profonda sui percorsi di informazione e consapevolezza riguardo al consumo di cannabis.

In conclusione, mentre il Canada si adatta alla realtà di un mercato della cannabis legale e in espansione, le voci di esperti e consumatori evidenziano un panorama complesso. La sicurezza, la legalità e la responsabilità rimangono al centro del dibattito, invitando a un dialogo continuo per assicurare che la normalizzazione del consumo di cannabis proceda di pari passo con la promozione della salute pubblica e della consapevolezza.

(Sean Previl su Global News del 18/03/2024)

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img