spot_img

Ultimi articoli

― Advertisement ―

spot_img

Australia, una nuova era per la cannabis?

Mentre l'Australia si avvicina alla presentazione del rapporto della Commissione per la Legislazione sugli Affari Legali e Costituzionali riguardo la legalizzazione della cannabis, emergono...
HomeCannabis"La bella vita di Tyson" fra musica e cannabis

“La bella vita di Tyson” fra musica e cannabis

Non smette mai di stupirci: la seconda vita di Mike Tyson è davvero sorprendente.

L’ultimo evento sabato scorso nella sua tenuta in mezzo al deserto della California. Tyson ha organizzato e ospitato “Kind”, il festival musicale di nuova generazione con migliaia di persone: il primo a unire artisti dal vivo, promozione di cannabis come “prodotto ricreativo” e stand gastronomici.

Ne abbiamo già parlato: per ora ha iniziato aprendo il suo terreno, un’area di 160 ettari a Desert Hot Spring a due ore di macchina da Los Angeles, dove tra qualche mese sorgera’ il Tyson Ranch Resort, ma presto l’ex pugile potrebbe creare eventi ancora piu’ grandi. Quello di sabato, come hanno detto gli organizzatori, e’ stato un “micro-festival pop up”: poltrone gonfiabili, musica a tutto volume, cibo a volonta’ e da bere (ma gli alcolici erano solo sopra i 21 anni), e fumo a volonta’ (bisognava portarlo da casa).

Tutto alla luce del sole, visto che in California da oltre un anno l’uso della marijuana per scopi ricreativi e’ legale, e sotto gli occhi dei poliziotti arrivati a Hot Springs per sorvegliare sulla sicurezza delle migliaia di persone richiamate dall’evento.

Tyson si e’ goduto la riuscita del festival, passeggiando in mezzo agli spettatori e fermandosi a fumare con gli amici.

Sul palco del Kind Music Festival si sono esibiti i rapper Miguel Ferg e Reese Laflare, e la band rock Starcrawler. Ma Iron Mike pensa ancora piu’ in grande: “L’estate scorsa – riporta il Desert Sun – ho parlato con Drake, Cardi B e Migos. Chissa’, la prossima volta potrebbe esserci qualcuno di loro. Quando mi fumo uno spinello, ascolto sempre la mia musica preferita. Magari potrebbe capitarmi qui dal vivo, con Lil Wayne o Jay-Z”.

Il Kind Music Festival é anche generoso: parte del ricavato é andato a Standing United, no-profit californiana che aiuta gli homeless e chi combatte contro la dipendenza dalle droghe.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img