Sweet Gelato Auto®, i fiocchi di cannabis che non deludono mai

Articolo di Tommy L. Gomez
Foto: Tommy L. Gomez e Sweet Seeds®

Ogni paio d’anni compare una nuova e sorprendente varietà di cannabis, che causa una rivoluzione negli orti dei coltivatori gourmet. È questa la mia impressione dopo aver raccolto, probabilmente, i fiori più ricoperti di resina che io abbia mai visto in 16 anni da coltivatore. Non solo i fiori finiscono per essere completamente ricoperti da una massa di tricomi brillanti, ma anche le foglie circostanti sono colpite in un modo mostruosamente favorevole, arrivando al punto di piegarsi completamente come effetto diretto della massa prominente di ghiandole di resina che si uniscono tra di loro. Tutto questo in una varietà autofiorente di 5ª generazione, la nuovissima Sweet Gelato Auto® (SWS76).

Dopo un bel po’ di tempo passato a coltivare solo varietà dipendenti dal fotoperiodo, mi sono fatto entusiasmare dall’opportunità di provare questa linea genetica autofiorente ancora prima che uscisse sul mercato, rallegrandomi al pensiero di una coltivazione velocissima. Con tutti i miei barattoli quasi vuoti, il periodo di 8 settimane dalla germinazione alla raccolta ha acquisito un’importanza molto maggiore. Quindi, senza pensarci due volte, sono tornato alla modalità autofiorente nel mio box di coltivazione da 80 x 80 x 160 cm, insieme a un’illuminazione al sodio ad alta pressione da 400W nel ruolo del Sole. Con i venti che soffiavano da 2 piccoli ventilatori Sunon, uno diretto verso la parte superiore delle piante e l’altro verso la lampada HPS. Ricambio dell’aria con un estrattore RVK da 125 mm e una miscela di terreno di buona qualità presa nel mio grow shop locale.

Questa volta ho deciso di seguire la mia filosofia di usare quanto più terreno possibile. Tendo a credere che, quanti più sacchi di terra porti a casa per la tua coltivazione, più grandi dovranno essere i barattoli di vetro per riporre i fiori secchi. Nel corso degli anni mi sono reso conto che con gli stessi parametri di crescita, compreso il numero di piante, se uso 150 litri di terra, raccolgo circa il 25% in più rispetto a quando uso 100 litri. Quindi, vasi da 18 litri (26 x 26 cm) per 9 piante senza spazio tra di loro è la mia ricetta speciale per questa versione autofiorente di una delle linee americane più potenti e famose, provenienti dalla Baia di San Francisco: Gelato (Sunset Sherbet x Girl Scout Cookies “Thin Mint”). Uno degli esponenti più apprezzati della famiglia Cookies, con un eccellente aroma e una grande produzione di THC.

Iniziamo con vasi piccoli da 300 ml e luci CFL, dopo 12 giorni sono state trapiantate nei vasi definitivi da 18 litri e messe sotto il sistema di illuminazione HPS da 400 W. Le 9 piante continuavano a crescere con un vigore notevole, sviluppando tra 4 e 6 rami laterali prima che iniziasse la fioritura. Con un ciclo di illuminazione continuo 20/4, la fioritura è iniziata tra il giorno 24 e il 29 dalla germinazione. Al giorno 33 dalla germinazione, tutte le piante erano in fioritura e mostravano un’altezza molto simile, con una calotta omogenea. Qualcosa che è spesso difficile da ottenere con le varietà autofiorenti, date le comuni variazioni fenotipiche.

Le mie piante di Sweet Gelato Auto® hanno continuato ad allungarsi fino al giorno 38 dalla germinazione. Quando hanno smesso di crescere sapevo che avrebbero iniziato a concentrare tutta la loro energia sullo sviluppo finale e sulla maturazione dei fiori, ed è stato lì che è entrato in gioco il mio mix di nutrienti, anche se per soli 7 giorni. La prima irrigazione con il fertilizzante è stata il giorno 38, con 3 ml di un fertilizzante per la fioritura e 4 ml di uno stimolatore per fiori (tutto per litro di acqua). 7 giorni dopo, al giorno 45, ho ripetuto la dose. E ancora, 4 giorni dopo, al giorno 49, ho lavato il terreno con 15 litri di acqua per pianta, per assicurarmi che venissero eliminati i sali accumulati dai fertilizzanti. A questo punto le mie aspettative erano di poter effettuare la raccolta dopo circa 10-12 giorni.

I fiori continuavano a gonfiarsi e il numero di pistilli bianchi diminuiva giorno dopo giorno. Grandi quantità di resina ricoprivano i calici e tutte le piccole foglie attorno ai fiori. E per quanto riguarda gli aromi? È stata la seconda parte migliore dell’esperienza di coltivare Sweet Gelato Auto®. Strofinare le dita nei fiori per rompere qualche ghiandola di resina e rilasciare i terpeni ti regalerà un delizioso aroma dolce e fruttato con una forte presenza Kush, comprese note terrose e legnose di frutta secca (nocciole) e sfumature di menta e agrumi. Un’anteprima di quelli che saranno i profumi e gli aromi finali dei fiori essiccati e conciati.

Da venerdì 11 a domenica 13 gennaio tutte le 9 piante sono state raccolte. Ho raccolto tra il giorno 59 e il giorno 62, il che si avvicina molto alla data indicata sul catalogo, ma è anche vero che tendo a fare la raccolta un po’ più tardi rispetto al punto ideale di maturazione, perché sfrutto gli effetti extra rilassanti di una maturazione leggermente eccessiva. La resa è stata di oltre 35 grammi per pianta, un totale di esattamente 318 grammi più 6 grammi di hashish, estratto a secco con un tamburo elettrico e una rete da 95μ. Sono stato completamente soddisfatto dei risultati finali di oltre 0,8 grammi per watt, dovuti soprattutto al breve intervallo di tempo di due mesi esatti dalla germinazione alla raccolta.

I fiori sono stati essiccati per 12 giorni e conciati per 3 settimane. A questo punto, le qualità organolettiche mostravano tutto il loro splendore e gli effetti erano nel loro momento migliore. Sensazioni ben bilanciate, tra relax e una lucidità mentale che ti colpisce in pieno, grazie a un contenuto di THC tra il 18% e il 23%. Sweet Gelato Auto® è molto indicata per la motivazione e la creatività, ma è adatta anche a trasformare attività noiose in eventi estremamente piacevoli. E, dopo tutto, la fame chimica prende in mano la situazione, portandoti a sconfiggere il caldo con il gelato che preferisci.


Questo articolo contiene informazioni provenienti direttamente dall’azienda prodruttrice o fornitrice del prodotto o del servizio pubblicizzato. La redazione di Beleaf magazine e i suoi collaboratori non sono responsabili del contenuto e non volgliono in alcun modo incentivare e/o promuovere condotte vietate dalle attuali leggi vigenti. In italia la coltivazione di piante di cannabis con tenore di thc superiore allo 0,6% è vietata. I contenuti sono da intendersi esclusivamente ai fini di una più completa informazione personale e di cultura generale


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.